chiome di pini trattati in endoterapia per combattere la cocciniglia

Endoterapia vs. Irrorazione: ecco come vengono somministrati i fitofarmaci

di Massimiliano Di Pietro (agronomo, smarTrees srl)

I fitofarmaci (antiparassitari, per intenderci) vengono abitualmente somministrati nebulizzando una soluzione diluita sulle foglie delle piante. Lo facciamo anche per le nostre piante ornamentali sul balcone e nel giardino. In particolari casi alcuni prodotti possono essere distribuiti al suolo dove vengono assorbiti dalle radici che traslocano il fitofarmaco sino alle foglie. Ma perché oggi si parla tanto di endoterapia e di prodotti contro parassiti come la cocciniglia del pino? quali sono le differenze con i metodi classici di somministrazione? esistono veramente dei vantaggi?

Un po’ di botanica

La porzione aerea (epigea) degli alberi è costituita, in generale, dal fusto, dalle branche, dai rami e dalle foglie.

Le foglie e le porzioni apicali dei giovani rami (quelle ancora verdi) presentano un rivestimento (epidermide) parzialmente permeabile agli scambi gassosi. Le porzioni lignificate (quelle ricoperte di corteccia, generalmente di colore bruno, marrone), invece sono ricoperte di strati di cellule che hanno la funzione di proteggere i tessuti (vivi) sottostanti e risultano più o meno impermeabili.

Irrorazione dei fitofarmaci

Molti antiparassitari presentano caratteristiche tali che gli consentono di attraversare la barriera (epidermide) che protegge i tessuti interni delle foglie e dei giovani rami. Inoltre, una volta penetrati all’interno dei tessuti hanno la capacità di muoversi da una pagina all’altra delle foglie (translaminari) o addirittura di essere traslocati all’interno della pianta (sistemici).

Però quando parliamo di alberi di grandi dimensioni come i pini, i platani ed altre specie comuni nei nostri parchi e giardini le loro dimensioni imponenti divengono un problema! Non solo l’altezza, anche il diametro della chioma è, a volte, davvero grande.

Ora sappiamo che i fitofarmaci nebulizzati vengono assorbiti solo dalle foglie, quindi irrorare un grande albero ornamentale è una vera sfida, superabile magari con l’ausilio di una piattaforma aerea. 

Ma che succede quando nebulizziamo un insetticida? La maggior parte della soluzione non arriva mai sul bersaglio (la chioma). Più del 40% si perde nell’ambiente a causa del vento (cosiddetto effetto deriva) o per sgocciolamento al suolo.

Praticamente tutti i prodotti di sintesi presentano controindicazioni di carattere ambientale. Molti sono tossici per gli insetti utili come le api o i predatori naturali (le famose coccinelle, ad esempio), altri sono tossici per i pesci, molti sono rischiosi per l’uomo. 

Per cui ne vale la pena disperdere nell’ambiente circa la metà del prodotto che state utilizzando, con il rischio di creare più danni che benefici?

Le risposta è la medesima anche nel caso in cui si sia costretti ad irrorare il suolo soluzioni contenenti fungicidi ed insetticidi. Decisamente NO.

trattamento fitosanitario in endoterapia su pino - smartrees srl
trattamento fitosanitario in endoterapia su pino domestico

Endoterapia

L’endoterapia consiste nella somministrazione delle soluzioni contenenti i prodotti che vogliamo utilizzare tramite iniezioni direttamente nel tronco degli alberi. E’ significativo come in inglese “endoterapia” sia tradotta con “trunk injection” ovvero iniezione al tronco. 

Esistono diverse metodologie per l’esecuzione del trattamento endoterapico, ma sono tutte accomunate dallo stesso fine: introdurre i fitofarmaci direttamente nel flusso della linfa ascendente (flusso xilematico).

La traslocazione del prodotto avviene grazie all’albero stesso, che, grazie ai vasi, lo “sposta” dal foro nel tronco fino alla chioma, dove può esplicare la propria azione.

L’endoterapia, quando ben eseguita, è una tecnica decisamente più sostenibile rispetto alla irrorazione. Non vi è dispersione nell’ambiente. Si annullano in partenza i danni potenziali per gli esseri umani, gli insetti utili e gli altri animali. Non c’è possibilità di inquinamento del suolo e delle falde acquifere.

Chiaramente anche l’endoterapia può presentare rischi potenziali che però si annullano (o quasi) quando gli operatori sono esperti e ben addestrati.

Condividi questo articolo con un click:

WhatsApp
Facebook
LinkedIn
Twitter
Telegram
Se la cocciniglia del pino sta attaccando anche i tuoi alberi, lasciaci i tuoi dati.
Ti contatteremo per trovare insieme la soluzione più adatta alle esigenze dei tuoi pini!

Scrivici su WhatsApp per qualsiasi info!
Ti risponderemo il prima possibile.